La Canapa nel presente

Il presente e futuro della Canapa tra bioedilizia, biocarburante e farina per usi alimentari

Nei secoli passati la canapa ha rivestito una grande importanza. Tes­suti, in­dumenti, corde, vele, reti da pesca un tempo erano per lo più realizzati con la fibra ricavata da questa pianta. I semi erano utilizzati per l’alimentazione degli animali, la parte legnosa per accendere il fuoco, i residui per la lettiera nelle stalle. Nel XVI secolo la carta di canapa era largamente impiegata nella stampa. Su tela di canapa i grandi pittori del passato realizzarono i loro ca­polavori. Senza di essa oggi molte grandi opere sarebbero perdute. I colori stessi per di­pingere erano mischiati con olio di canapa e si sono così potuti preservare nel tempo.

Verso la metà del secolo scorso questa coltivazione nei pa­esi occi­dentali è praticamente scomparsa per diverse ragioni: l’introduzione della navigazione a vapore in sostituzione di quella a vela, l’invenzione delle fibre sintetiche, la concorrenza del cotone e delle altre fibre naturali meno co­stose, la complessità della lavora­zione, la concorrenzialità della barbabietola da zucchero come col­tura indu­striale produttrice di altrettanto reddito, le leggi proibizioni­stiche re­lative agli stupefacenti che, a partire dagli Stati Uniti, ne im­pedirono la coltivazione anche in Europa. Questo perché una varietà della ca­napa, la marijuana, produce secrezioni contenenti un princi­pio attivo, il te­traidrocannabinolo (THC), classificato come droga.

Oggi si ricomincia a parlare di canapa per il suo possibile impiego in settori vitali dell’economia con note­voli, benefiche ricadute sulla tutela e la sal­vaguardia dell’ambiente.

Essa può essere impiegata, oltre che per i tessuti, per la produzione di plasti­che e materiali da imballaggio in sostituzione di quelli derivati dal petrolio, per costruire pannelli isolanti nella bioedilizia, per la re­alizzazione sia di carta di buona qualità che di carte più grossolane e cartoni. Dalla canapa è facile ricavare un carburante per autotrazione ecolo­gico.

Dai suoi semi si può produrre un olio vegetale alimentare  molto utile per il nostro sistema immunitario. Sempre dai semi si ottiene anche una farina estremamente nutriente che può essere adoperata per la preparazione di torte, pane, pasta e altri piatti. Le proteine vegetali contenute nei semi di canapa sono tra le mi­gliori, perché facilmente assimilabili dal corpo umano.

Prenota la tua Visita al Museo della Canapa!








    Ecomuseo della Bassa Padovana

    Un luogo della memoria, per evitare di perdere preziose testimonianze di un mondo contadino ormai scomparso, legato alla coltivazione e lavorazione della Canapa.

    Seguici anche su Facebook

    Organizza la tua Visita

    Via XXVIII Aprile, 3
    35040 Megliadino San Vitale (PD)


    340.955.85.59
    info@ecomuseocanapa.it


    Ingresso su prenotazione.
    Sab: 15:00 – 18:00
    Dom: 15:00 – 18:00
    Scuole e gruppi ammessi tutti i giorni su prenotazione

     

    In collaborazione con